5 novembre 2013

Stasis – Dal Sud Africa un’avventura horror in stile Sanitarium (demo + Kickstarter)

Print

La campagna per raccogliere fondi su Kickstarter è appena incominciata ma già dalla demo liberamente scaricabile si intuisce che Stasis potrebbe diventare un ottimo indie game specialmente se in passato avete adorato le avventure horror con visuale isometrica come ad esempio il mai dimenticato Sanitarium. La storia di Stasis assomiglia però maggiormente a quella di numerosi film di fantascienza tra i quali è possibile menzionare la saga di Alien dove megacorporazioni assetate di soldi e di potere spediscono scienziati e civili a bordo di enormi navi spaziali principalmente con lo scopo di sfruttare le risorse naturali degli altri pianeti della galassia.

stasisScreenshot11

A volte però le missioni programmate, con tanto di equipaggio in stato di stasi per poter sopravvivere a viaggi lunghissimi, possono venire interrotte da cause esterne o interne o, come abbiamo visto più volte al cinema, dai sistemi di controllo della nave che in vista di un pericolo imminente per gli umani interrompono bruscamente il loro sonno in modo da poter prendere le contromisure necessarie. Nel gioco ci risveglieremo nei panni di John Maracheck, imbarcato con la sua famiglia alla volta di Nettuno scoprendo una nave apparentemente abbandonata con molti enigmi da risolvere per cercare di salvarsi la vita e quella dei suoi cari.

stasisScreenshot1

Un’avventura/action con grafica bidimensionale e visuale isometrica in grado di immergere il giocatore dentro una sfida con forti tinte horror che sarebbe davvero un peccato non provare visto che una generosa versione dimostrativa è attualmente scaricabile dal sito ufficiale. La versione completa del gioco è prevista per metà 2014. Per scaricare la demo visitate il sito ufficiale dove troverete anche i link per supportare la raccolta fondi del gioco su Kickstarter ed eventualmente per votarlo su Steam Greenlight. Segue un video di gameplay:

Blog Widget by LinkWithin
(Click on flag for English version)

0 commenti: