23 novembre 2012

Alien Breed risorge su Playstation Vita (e su dispositivi Android con Playstation Mobile)

alien breed playstation mobile (1)

Beh, ora che i sequel ufficiali di Alien Breed, l’immortale top-down shooter originariamente uscito sull’Amiga negli anni '90, sono disponibili su Steam con gameplay e veste grafica aggiornata qualcuno avrà notato che anche per lo stesso Team17 è stato piuttosto difficile riuscire a trasmettere le stesse emozioni che erano riusciti a creare nei titoli in 2D originali forse perché la lotta contro gli alieni aveva tutto un altro sapore con la visuale originale dall’alto  che ci sfidò in quella lotta per la sopravvivenza che molti di noi conservano ancora nella propria memoria videoludica.

alien breed playstation mobile (1)

Se siete possessori di una PS Vita come il sottoscritto l’arrivo di Alien Breed sul Playstation Mobile non sarà sicuramente passato inosservato anche considerando il prezzo davvero esiguo che dovremo pagare per poter scaricare questa sorta di riedizione 2012 del classico sparatutto originale. Un remake disponibile anche per iPhone contenente l’Alien Breed originale del 1991, la Special Edition uscita successivamente nel 1992 e due nuovi episodi: Convergence e Valiance realizzati appositamente per questa versione mobile più altri episodi in arrivo nei prossimi mesi come DLC. Un gioco da pochi euro in grado di garantire ore e ore di sano divertimento retrò con l’introduzione di alcune facilitazioni che lasceranno un po’ di amaro in bocca ai puristi della saga ma con pregi come una grafica widescreen notevolmente migliorata che riusciranno anche con qualche piccola smorfia a farcelo accettare e forse anche ad amare quasi come abbiamo fatto un tempo con la versione originale.

alien breed playstation mobile (2)

L’Alien Breed che oggi potremo acquistare per la nostra portatile è ancora ostico come il titolo originale con labirinti da affrontare con intelligenza e cautela anche a causa dei numerosi vicoli ciechi dove potremo perderci se non analizzeremo con attenzione le mappe dei livelli. Potremo anche attivare una piccola freccia che ci indicherà la direzione degli obiettivi principali ma anche così sopravvivere all’invasione aliena non sarà esattamente una cosa facile. Quello che probabilmente odieremo di più sarà la possibilità di accedere ai rifornimenti in qualsiasi momento premendo semplicemente un tasto sulla console quando nell’originale (e anche nei sequel usciti in questi ultimi anni) si doveva riuscire a sopravvivere fino a trovare un terminale Intex per poter acquistare con i crediti trovati i medikit, i pack di chiavi, le munizioni e le armi.

PSMobile alien breed playstation mobile (3)

Nonostante questa non indifferente semplificazione il gioco che ci ritroveremo tra le mani riuscirà comunque a darci quasi tutte le stesse soddisfazioni di quello di 20 anni fa con in più una veste grafica che a mio parere non sfigurerebbe in una produzione indipendente odierna. Sarà inoltre possibile giocare tutti gli episodi inclusi in Alien Breed utilizzando una veste grafica più simile agli originali anche se personalmente dopo aver gustato l’ottimo lavoro di restyling non ne ho sentito più di tanto il bisogno. Beh, per concludere direi che l’acquisto è davvero consigliato tanto che magari se un giorno arrivasse anche sullo store di Windows 8 per 3 o 4 euro non esiterei a ricomprarlo. E in attesa di qualche altra bella rivisitazione dei classici del Team 17 (un bel Project X non andrebbe bene ?) torno a giocare sia ad Alien Breed che a Sine Mora che si è rubato un’altra porzione di memoria della mia PS Vita ed anche, ad essere sinceri, del mio PC.

Blog Widget by LinkWithin
(Click on flag for English version)

0 commenti: