9 maggio 2012

You Have to Win the Game (free indie game)

TheGame 2012-05-09 00-27-49-17

Nonostante lavori per Gearbox Software e nel suo curriculum siano citati titoli come Brothers in Arms: Hell’s Highway, Borderlands e Duke Nukem Forever lo sviluppatore statunitense J. Kyle Pittman sembra proprio non aver dimenticato i primi videogames che aveva giocato da bambino e se con il suo vecchio PC (un Commodore PC-compatibile con un monitor CGA e 512 KB di RAM) avesse saputo programmare forse avrebbe prodotto qualcosa di simile a You Have to Win the Game.

yhtwtg_1-1024x768[3]

Un nuovo gioco in stile delicatamente retrò rilasciato come freeware soltanto qualche giorno fa. Beh, per omaggiare i bei tempi andati c’è sempre tempo e nonostante per questo gioco si sia evidentemente ispirato anche a indie games moderni come VVVVVV e Super Meat Boy direi che You Have to Win The Game vale davvero un download anche solo per esplorare il delizioso mondo retrò che si materializzerà sui nostri monitor con un piccolo esploratore in pixel art pronto per scoprire i segreti di numerose stanze corredate da brevi criptici messaggi. Lo scopo è quello di trovare tutti i tesori e finalmente poter esclamare “Ok, ho vinto il gioco !”.

TheGame 2012-05-09 00-21-56-19[3]  yhtwtg_2-1024x768

Non sarà comunque un’impresa semplicissima visto che avremo a che fare con piattaforme semoventi, spuntoni e puzzle da risolvere per poter avere accesso a tutte le aree del gioco. Il motore che muove You Have to Win the Game è stato scritto da zero utilizzando il linguaggio C++, utilizza il 3D per dar vita ad un gameplay 2D con il vantaggio che così potremo eseguirlo a qualsiasi risoluzione video supportata dal nostro monitor. Il gioco di Pittman include un sistema di aggiornamenti online e a occhio e croce sembrerebbe essere progettato per ospitare nuovi episodi (o altri giochi di questo genere) tramite semplici updates. Per scaricarlo basta visitare il blog dell’autore a questo indirizzo.

Extra: Altri giochi gratuiti dello stesso autore

Blog Widget by LinkWithin
(Click on flag for English version)

0 commenti: