21 giugno 2009

Rimini, 1983 – Dragon’s Lair ed il full motion video.

Rimini 1983 

Tempo di vacanze, e visto che in questo blog a volte si trovano le ultime novità sui giochi indie e altre volte ci si culla nei ricordi permettetemi ancora una volta di ricordare… Negli anni 80 la meta principale di molte famiglie era là, sulle coste della Romagna, quella magica città che ha ispirato più di una generazione: La bella Rimini. I voli low cost non erano stati ancora inventati e se oggi con pochi soldi si riesce a girare l’Europa e, volendo, anche il mondo allora viaggi così non erano proprio alla portata di tutti e così da molte parti d’Italia si partiva con la macchina carica di valigie e si affrontava la lunga strada verso quella che per molti di noi era la California made in Italy ! Rimini !

green05 dl_d1

La spiaggia enorme, le ragazze in costume e naturalmente (sapevate che sarei cascato proprio lì) le enormi sale giochi che facevano capolino più o meno ogni 300 metri, nella mitica via che da Riccione arriva fino al porto di Rimini. Per un dodicenne col Commodore Vic20 quei posti erano davvero un paradiso, non importava sentire grugnire i genitori all’ennesima richiesta di soldi da cambiare in gettoni, quello che importava era poter provare quelle macchine meravigliose che successivamente avrebbero segnato profondamente il modo di giocare in ognuno di noi. Quell’anno che, proprio a Rimini, vidi per la prima volta Dragon’s Lair rimasi letteralmente sbalordito, per i primi 10 secondi, poi qualcosa nella mia mente scattò e subito sentii un forte odore di “fregatura”.

 daphne2 Dragonslair-princessdaphne

Era impossibile che la tecnologia di quei tempi riuscisse a generare una grafica del genere ed infatti, osservando la gente giocare, si comprendeva subito che dentro quel cabinato c’era che so, un proiettore o qualcosa che ne faceva le veci: un avveniristico Laser Disc ! Lo sappiamo tutti che l’interattività dentro quel gioco latitava, infatti ci giocai solo un paio di volte, ma fermarmi a guardare la gente che giocava era un piccolo spettacolo. Il cavaliere senza macchia che doveva salvare quella, lasciatemelo dire, gran gnocca, di principessa a forma di cartone animato.

Dirk e la principessa Daphne hanno avuto a mio parere un grande merito: Attirare molta gente verso quel dispendioso passatempo da nerd (come in tempi più recenti Lara Croft) e proiettarci nel futuro, cioè il nostro presente, dandoci un concreto assaggio di cosa sarebbero potuti diventare i videogiochi trent’anni dopo.

Link: http://www.dragons-lair-project.com 

PARK PRODUCTIONS: POWER RANGERS TRILOGY (freeware FMV games)

Per fortuna il full motion video oggi è stato felicemente rimpiazzato dai progressi della grafica 3D ma qualche sviluppatore indie ancora oggi ci propone qualche piccola chicca, magari consapevole di non poter riscuotere un’ovazione mondiale, ma un programmatore di giochi freeware fortunatamente può anche non preoccuparsi di questo, tanto non verrà pagato per il suo lavoro.

OOFMV001s  JFFMV003s OOFMV002s

Tra i giochi freeware che utilizzano la tecnica del full motion video volevo segnalarvi la serie dedicata ai Power Rangers della Park Productions, autori di giochi storici come Robocop e Dizzy i quali hanno recentemente rilasciato l’ultimo episodio di quella che ora è diventata una trilogia. Sono tre semplici giochi, di breve durata, dove premendo i tasti giusti al momento giusto, forse, riuscirete a vedere la fine dell’episodio:

 

DTFMV003    OOFMV004

Dino Thunder (Rilasciato nel 2005) – Operation Overdrive (Marzo 2008)

e l’ultimo:

JFFMV004

Jungle Fury (Maggio 2009)

I tre titoli sono disponibili sul sito ufficiale insieme ad un megapack contenente tutti i 20 titoli realizzati fino ad ora (alcuni dei quali recensiti separatamente su questo blog) – Salutando tutti i lettori di Rimini, vi lascio con il trailer di Operation Overdrive. Cliccate pure sul logo per andare sul sito ufficiale.

park productionOfficial website

Blog Widget by LinkWithin
(Click on flag for English version)

7 commenti:

Minkia Mouse ha detto...

Parafrasando un saggio, il lasergame non è altro che un gioco di (adesso si chiamano così) Quick Time Events... Solo che chiamarli quixk time events è molto più cool... :D

ps: recentemente ho ritrovato la versione DVD di dragon's lair...
è difficilissimo, anche con le vite infinite... :D:D

jimbo ha detto...

Davvero, è difficile descrivere lo stordimento indotto dalla prima visione di Dragon's Lair e Space Ace in ragazzini che avevano a che fare con Pac Man e Galaga.. sembrava qualcosa catapultato dal futuro.

hexaae ha detto...

Minkia Mouse mi ha levato le parole di bocca: ai ragazzini di oggi vendono certi giochi moderni (a cominciare da Prince Of Persia 2008, ben poco da giocare...) spacciandoli per "nuovo concept" e "innovativi" magari quando in realtà si torna indietro agli anni '80! ;P

hexaae ha detto...

Ho trovato su YT tutti i vari Dragon's Lair I, II,... Space Ace... COMPLETI dall'inizio alla fine!

Erano 25 anni che volevo vedere come andavano a finire... :)

hexaae ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=jPxRpub81_w&feature=channel

idealsoft ha detto...

Bellissimi Hex ! E grande anche il sito dell'autore ! Non lo conoscevo !

The Goulstin Haunt ha detto...

Lo faccio con un lasso di tempo (di ritardo) esagerato, ma voglio lasciare un commento, per una cosa che mi interessava molto: scrivevo proprio di una cosa simile e ho trovato questo post. Non è tanto per il gioco che lascio il commento ma per questo:

Cit.: "Negli anni 80 la meta principale di molte famiglie era là, sulle coste della Romagna, quella magica città che ha ispirato più di una generazione: La bella Rimini. I voli low cost non erano stati ancora inventati e se oggi con pochi soldi si riesce a girare l’Europa e, volendo, anche il mondo allora viaggi così non erano proprio alla portata di tutti e così da molte parti d’Italia si partiva con la macchina carica di valigie e si affrontava la lunga strada verso quella che per molti di noi era la California made in Italy ! Rimini !"

Molto probabilmente, sono legato alla stessa cosa!

Ps: questo Blog mi piace molto, adoro IdealSoft Blog.