14 gennaio 2009

Little ghost Joe - Un'autentica gemma freeware

screen 3

Gli sviluppatori indipendenti della Neongen2 Creations li abbiamo già visti in queste pagine con l'ottimo remake di Kick Off creato per il Caiman Contest nel 2008 e per l'ottimo F1 Legend che per puro caso non è ancora incluso in questo sito (ma lo sarà a breve). Le loro produzioni sono state tutte rilasciate nel canale freeware e sono indubbiamente di estrema qualità. Ora, dopo una lavorazione durata oltre due anni (il gioco è stato iniziato nel 2006) hanno finalmente rilasciato quello che a mio parere sarà uno dei giochi che farà molto parlare di sè.

screen 1

In questi ultimi tempi abbiamo visto produzioni di estrema qualità, come ad esempio il bellissimo Spelunky realizzato da Derek Yu, e questo Little Ghost Joe di Mike Domingues riprende il classico stile dei giochi platform (alla Super Mario) sostituendone però lo stile colorato e scanzonato tipico di quei giochi con un'atmosfera nuova, più adulta, con tinte malinconiche e noir. La nostra avventura piattaformica è in uno stupendo bianco e nero, ambientata idealmente agli inizi del XX secolo e ci racconta una storia tragica. Di morte e di vendetta.

screen 2

Il gioco è divertente, intendiamoci, non è neppure splatter, ma sarà la bellissima musica (originale) che lo accompagna, saranno i personaggi stilizzati e magistralmente animati, sarà il bianco e nero ma a me è piaciuto da morire. Il protagonista però è gia morto, è stato ucciso barbaramente da un killer. E noi controlleremo il suo fantasma.

lgj2qw8

Joe conosce il suo assassino, si chiama McLoud, e visto che dopo mesi dalla sua morte è rimasto libero e indisturbato a causa dell'inettitudine della polizia ha deciso di ritornare, sotto forma di fantasma per cercare la sua vedetta personale e poter così (dopo averla consumata) ritornare lassù e riposare in pace.

lgj1

Il gioco vi permetterà di creare il vostro profilo e salverà la vostra posizione alla fine di ogni livello. Avrete vite limitate e dovrete fare attenzione ai pericoli per non dover ricominciare tutto dall'inizio. Per fare piazza pulita dei nemici potrete saltargli in testa come nei giochi di Mario, ma alcuni richiederanno più colpi per essere battuti. Potrete saltare su piattaforme e jumper e cercare di non cadere da altezze troppo elevate (soprattutto se sotto ci saranno gli spuntoni). I controlli sono i classici tasti cursore e shift per saltare. Il viaggio di Little Ghost Joe inizia con il vostro aiuto. Riuscirete a trovare il perfido McLoud ?

Sito ufficiale


Pubblicità:


Bookmark and Share
Blog Widget by LinkWithin
(Click on flag for English version)

2 commenti:

Marfilius ha detto...

Davvero una piccola chicca che sotto uno stile grafico a tratti minimalista e ai confini della pixel art lascia trasparire una giocabilità di prim'ordine. Vita dopo vita partita dopo partita ci si avvicinerà sempre di più al raggiungimento della nostra vendetta che purtroppo non tarderà ad arrivare. L'unico difetto che posso trovare a questo piccolo capolavoro è appunto la longevità, ma si sa che le cose belle son destinate a durare poco.

idealsoft ha detto...

Purtroppo è vero, però per fortuna esistono, e anche se per poco tempo si lasciano gustare. Grazie ai programmatori indipendenti si mantegono vivi interi generi di giochi che ormai l'industria videoludica ha dimenticato. Quello che maggiormente mi affascina sono quei piccoli tocchi di classe e quelle piccole nuove idee che contribuiscono ad innovare, un pò per volta, generi che altrimenti sarebbero destinati a morire nella ripetitività di gameplay visti e rivisti e ormai superati dalle innovazioni tecnologiche. Chi ha detto che un platform-game vecchio stile non possa essere divertente e nello stesso tempo anche un poco innovativo ? Certo, bisogna saper guardare oltre la grafica e riuscire a lasciarsi coinvolgere da quello che l'autore ha cercato di comunicarci. Vedi ad esempio The Manipulator. Ha una grafica ridicola a parte gli effetti in sovraimpressione ma se ti lasci prendere sà farti divertite come un videogioco moderno. Non che sia un capolavoro, ma è un'esempio di comunicazione tra autore e giocatore che ti fa comunque pensare e apprezzare una volta in più questa bella e relativamente nuova arte digitale. Fatemi sapere cosa ne pensate e grazie Marfilius per il tuo bellissimo commento :-)